Piazza Marconi, 3 - 30030 Fossò (VE), tel. 0415172311 - fax 0415172310


dove mi trovo :   Eventi della vita  -  Cittadino  -  Abitare  -  Permesso a costruire

PERMESSO DI COSTRUIIRE

Il D.P.R. 6 giugno 2001 n° 380, entrato in vigore solo il 30 giugno 2003, sostituisce la concessione edilizia (legge 10/77 detta Bucalossi del 1977) e l’autorizzazione edilizia (legge 457 del 1978) con il permesso di costruire che attualmente è l’unico provvedimento che legittima le trasformazioni urbanistiche ed edilizie

DESCRIZIONE

Il permesso di costruire è necessario in tutti gli interventi di trasformazione urbanistica e edilizia del territorio come:

a) gli interventi di nuova costruzione;

b) gli interventi di ristrutturazione urbanistica;

c) gli interventi di ristrutturazione edilizia che comportino modifiche (cioè aumento di unità immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d'uso;

CHI PUO FARE RICHIESTA

Proprietario o avente titolo (chiunque goda di un diritto reale sull'area). Il permesso di costruire è trasferibile, insieme all'immobile, ai successori o agli aventi causa

MODALITA' DI RICHIESTA

1) ritirare il modello di domanda di permesso di costruire presso lo Sportello Si Cittadino;
2) compilare e firmare i modelli richiesti;
3) allegare le tavole di progetto e i documenti necessari;
4) consegnare all'ufficio Protocollo.

DOCUMETAZIONE DA PRESENTARE

1) domanda redatta su apposito modello compilato e bollato (marca da bollo da € 14,62)
2) tutta la documetazione necessaria in relazione all'intervento richiesto, l'elenco è specificato nell'allegato della domanda.

TEMPI DI RISPOSTA

1
) Entro 10 giorni dalla ricezione della domanda viene comunicato al richiedente il nominativo del responsabile del procedimento e del tecnico incaricato dell'istruttoria.
L'esame delle domande si svolge secondo l'ordine cronologico di presentazione.
2) Entro 15 giorni dalla data di presentazione della pratica, il Responsabile può interrompere, per una sola volta, i termini del procedimento per la richiesta di documenti integrativi necessari. La mancata presentazione delle integrazioni richieste, entro il termine perentorio di 30 giorni, comporta l'archiviazione d'ufficio della pratica.
3) La fase istruttoria si conclude entro 60 giorni dalla data di protocollo delle integrazioni ovvero, se non richieste, dalla presentazione dell'istanza.
Acquisiti gli eventuali pareri necessari, qualora non allegati dal richiedente, che ne ha facoltà, il Responsabile, sempre entro 60 giorni, può chiedere modifiche di modesta entità sospendendo il procedimento ed assegnando un altro termine per gli adempimenti.
4) Il provvedimento finale viene emesso entro ulteriori 15 giorni.
5) L'avvenuto rilascio del provvedimento viene notificato all'interessato. e pubblicato all'Albo Pretorio del Comune.

COSTI

1) n° 2 marche da bollo da euro 14,62 (una alla presentazione della domanda e una al ritiro del permesso di costruire)
3) oneri concessori calcolati in base ai vigenti importi stabiliti dall'Amministrazione Comunale
4) diritti di segreteria (DGC del 23/11/2005 n. 178)
La quota di contributo relativa agli oneri di urbanizzazione va corrisposta al Comune all'atto del rilascio e, su richiesta dell'interessato può essere rateizzata in quattro rate semestrali (la prima va corrisposta all'atto del ritiro).
La quota di contributo relativa al costo di costruzione, determinata all'atto del rilascio, è corrisposta con le modalità e garanzie stabilite, non oltre 60 giorni dall'ultimazione della costruzione.
Gli oneri non corrisposti al momento del ritiro devono essere garantiti da polizza fidejussoria bancaria o assicurativa

TERMINI E SCADENZE

Il termine per l'inizio lavori non può essere superiore ad un anno dalla notifica del rilascio del titolo; quello di ultimazione non può superare i tre anni dall'inizio dei lavori.

NORMATIVA

• D.P.R. n. 380 del 6 giugno 2001 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia".
• L. n. 662 del 23 dicembre 1996 "Misure di razionalizzazione della finanza pubblica".
• L.R. n. 61 del 27 giugno 1985 "Norme per l'assetto e l'uso del territorio".
• L. n. 47 del 28 febbraio 1985 "Norme in materia di controllo dell'attività urbanistica - edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie".
• L. n. 457 del 5 agosto 1978 "Norme per l'edilizia residenziale".
• L. n. 10 del 28 gennaio 1977 "Norme per la edificabilità dei suoli".

INFORMAZIONE ONLINE

E' possibile conoscere lo stato della singola pratica edilizia attraverso il proprio computer, consultando il sito: www.comune.fosso.ve.it
I professionisti possono, previa richiesta di password da inoltrare al Area servizi Urbanistica ed Edilizia Privata, accedere al servizio di informazione online sull’iter delle pratiche edilizie di loro competenza, visualizzandone tutti i dati.