Istruzioni per il voto

Il corpo elettorale del Comune di Fossò è composto da 5521 elettori (alla data del 13.12.2017) di cui 2698 maschi e 2824 femmine.


1. Per la Camera dei Deputati votano tutti i cittadini italiani regolarmente iscritti nelle liste elettorali del comune;

  • Sono iscritti nelle liste elettorali del Comune di Fossò i cittadini italiani che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età alla data del giorno di votazione (domenica 4 marzo 2018) e che siano in possesso dei requisiti di elettorato attivo.
  • Per il Senato della Repubblica votano tutti i cittadini italiani regolarmente iscritti nelle liste elettorali del Comune di Fossòche abbiano compiuto il venticinquesimo anno di età alla data del giorno di votazione (domenica 4 marzo 2018) e che siano in possesso dei requisiti di elettorato attivo.


2- i cittadini italiani residenti all'estero ossia iscritti all'A.I.R.E. (Anagrafe Italiani Residenti all'Estero), secondo le seguenti modalità:

  • all’estero, per corrispondenza, per i cittadini italiani residenti negli Stati con i quali il Governo italiano ha concluso apposite intese. Il Consolato di riferimento trasmetterà direttamente all’indirizzo estero dell’elettore il plico elettorale contenente le schede di voto, le istruzioni sulle modalità di voto e i termini entro cui rispedire la busta, con le schede votate, al proprio Ufficio consolare. Se l’elettore non riceve il predetto plico elettorale, potrà recarsi di persona all’Ufficio consolare di riferimento, per verificare la propria posizione elettorale;
  • è possibile l'esercizio di voto in Italia, presso il Comune italiano di iscrizione AIRE, se il cittadino AIRE ha fatto esplicita richiesta di opzione di voto in Italia, compilando l’apposito modulo messo a disposizione del Consolato di riferimento. Il modulo di opzione deve pervenire al Consolato di riferimento entro il giorno 8 gennaio 2018.
  • esclusivamente in Italia, recandosi presso il Comune italiano di iscrizione all’AIRE, per i cittadini residenti negli Stati esteri che non hanno stipulato intese di voto con il Governo italiano, e inoltre, per i cittadini residenti negli stati nei quali, nonostante il Governo italiano abbia concluso apposite intese, la situzione politica o sociale non consente il diritto al voto.

Per votare è necessario presentarsi al seggio muniti della Tessera elettorale e di un documento d'identità valido.

Gli elettori fisicamente impediti:

  • i ciechi
  • gli amputati delle mani;
  • gli affetti da paralisi o da altro impedimento di analoga gravità

possono essere accompagnati in cabina da un elettore della propria famiglia o da un altro elettore liberamente scelto.

L’impedimento dovrà essere dimostrato:

  • con certificato medico rilasciato dai MEDICI APPARTENENTI ALL'ASL N. 3 "Serenissima";
  • in alternativa, al fine di evitare di doversi munire di volta in volta, in occasione di ogni consultazione elettorale, dell’apposito certificato medico, gli elettori fisicamente impediti possono preventivamente chiedere l’annotazione permanente del diritto al voto assistito sulla propria TESSERA ELETTORALE.

A tal fine gli interessati potranno presentarsi, muniti del certificato medico rilasciato dall'Asl n. 3 "Serenissima", presso l'UFFICIO ELETTORALE che provvederà ad apporre apposito timbro sulla TESSERA ELETTORALE.
Tale annotazione consentirà l’ammissione al voto assistito senza ulteriori formalità, anche in occasione di successive consultazioni elettorali.
La domanda per ottenere il timbro sulla TESSERA ELETTORALE può essere presentata anche da persona diversa dall’elettore interessato, purché in possesso di delega, di fotocopia del DOCUMENTO D'IDENTITA' IN CORSO DI VALIDITA' dell’interessato e della TESSERA ELETTORALE in originale dell’interessato.

Gli elettori affetti da gravi infermità, tali da impedire l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano, che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali sono ammessi al voto nella predetta dimora.

Gli interessati devono far pervenire, entro lunedì 12 febbraio 2018 all’Ufficio elettorale del Comune di iscrizione nelle liste elettorali, la seguente documentazione:

 

  1. Dichiarazione attestante la volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimorano, indicandone l’indirizzo completo;
  2. Copia della tessera elettorale;
  3. Certificato medico, rilasciato dal funzionario medico designato dall’Azienda Sanitaria Locale, da cui risulti l’esistenza di una infermità fisica che comporta la dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tale da impedire all’elettore di recarsi al seggio.

Il Sindaco rilascerà a ciascun elettore, che sia stato ammesso al voto a domicilio, un’attestazione dell’avvenuta inclusione negli appositi elenchi.
Il voto sarà raccolto, durante le ore in cui è aperta la votazione, dal Presidente di seggio, assistito da uno scrutatore e dal Segretario del seggio elettorale.

Elettori temporaneamente all'estero: opzioni per l'esercizio del voto per corrispondenza nella Circoscrizione Estero.
Gli elettori italiani iscritti nell'anagrafe della popolazione residente, che per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano temporaneamente all'estero per un periodo di almeno 3 mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, quale modificata dalla legge 6 maggio 2015, n. 52).
Chi intende partecipare al voto, dovrà far pervenire al Comune di iscrizione nelle liste elettorali "entro il 32° giorno antecedente la data di svolgimento della consultazione elettorale e quindi entro mercoledì 31 gennaio 2018 (con possibilità di revoca entro lo stesso termine), una opzione valida per la consultazione del 4 marzo 2018.
L'opzione può essere inviata per posta elettronica, anche non certificata, oppure potrà essere recapitata a mano al Comune, anche da persona diversa dall’interessato, secondo le seguenti modalità:
• e-mail all'indirizzo di posta elettronica: urp@comune.fosso.ve.it
• posta elettronica certificata all'indirizzo: amministrazione@pec.comune.fosso.ve.it
• consegna diretta presso l'UFFICIO ELETTORALE (Piazzale Marconi, 3 - tel. 0415172321 - 22)


La dichiarazione di opzione deve essere obbligatoriamente corredata dalla copia di un documento d’identità valido dell’elettore, deve contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’ufficio consolare (Consolato o Ambasciata) competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza (trovarsi per motivi di lavoro, studio o cure mediche in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti per un periodo di almeno 3 mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale; oppure, essere familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni, comma 1 dell’art. 4-bis L. 459/2001).
La dichiarazione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 DPR 445/2000, dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci (art. 76 del citato DPR 445/2000).

Elettori residenti all'estero ed iscritti all'A.I.R.E.
Gli elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) riceveranno da parte dell'Ufficio Consolare di competenza, come di consueto, il plico elettorale al loro domicilio. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato il Consolato circa il proprio indirizzo di residenza.

Opzione voto in Italia
Chi invece, essendo residente stabilmente all’estero, intende votare in Italia, dovrà far pervenire al Consolato competente per residenza, un’apposita dichiarazione in carta libera che riporti: nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del comune italiano d'iscrizione all'AIRE e l'indicazione della consultazione per la quale intende esercitare l'opzione (Elezioni Politiche 4 marzo 2018).
La dichiarazione deve essere datata e firmata dall'elettore e accompagnata da fotocopia di un documento di identità, e può essere inviata al Consolato per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata, oppure a mano anche tramite persona diversa dall’interessato, entro lunedì 8 dicembre(permane la possibilità di revoca entro lo stesso termine).

L'elettore che si trova ricoverato in ospedale, e intende esercitare il diritto di voto per le elezioni del 4 marzo 2018, deve comunicare la propria volontà al personale ospedaliero e deve essere in possesso della TESSERA ELETTORALE e di un DOCUMENTO D'IDENTITA' IN CORSO DI VALIDITA'.

Coloro che non hanno problemi di deambulazione si recheranno al seggio ospedaliero, per gli altri casi sarà il seggio volante a raccogliere l’espressione di voto direttamente a letto.


Gli elettori detenuti possono votare negli stessi luoghi di detenzione esclusivamente previa esibizione della TESSERA ELETTORALE e dell’attestazione rilasciata dal Sindaco, per il tramite dell'UFFICIO ELETTORALE concernente l’avvenuta inclusione negli elenchi dei detenuti ammessi a votare nel luogo di detenzione.

 

COMPOSIZIONE DEL SEGGIO ELETTORALE E COMPENSI

Il Seggio elettorale è composto da:


- 1 Presidente di seggio nominato dalla Corte d'Appello;
- 4 Scrutatori nominati dalla Commissione Elettorale Comunale tra gli iscritti in un apposito albo;
- 1 Segretario di seggio nominato dal Presidente, il quale deve essere iscritto nelle liste elettorali del Comune di Fossò e deve essere in possesso del titolo di studio di scuola media superiore;
- eventuali rappresentati di lista nominati dai partiti.
L'atto di designazione può essere fatto pervenire all'Ufficio elettorale entro venerdì 2 marzo 2018 oppure presentato direttamente dall'interessato al Presidente di seggio al momento dell'insediamento sabato 3 marzo 2018 o domenica 4 marzo 2018 purchè prima dell'inizio della votazione.