Referendum costituzionale di domenica 29 marzo 2020

Con Decreto del Presidente della Repubblica in data 28.01.2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 23 del 29 gennaio u.s. sono stati indetti per DOMENICA 29 MARZO 2020 i comizi elettorali per lo svolgimento del referendum popolare previsto dall’articolo 138 della Costituzione sul testo di legge costituzionale recante: «Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari».

l Governo ha ritenuto opportuno rivedere la decisione circa la data del referendum che era stata fissata prima dell’emergenza sanitaria, allo scopo di assicurare a tutti i soggetti politici una campagna elettorale efficace e ai cittadini un’informazione adeguata. Le procedure referendarie in Italia e all’estero dunque si sospendono e saranno rinnovate quando sarà fissata una nuova data per il referendum.

Tutte le informazioni relative al Referendum verranno pubblicate in questa sezione del sito del Comune di Fossò e sono consultabili anche sul sito del Governo Italiano a questo link.

OPZIONE PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO IN ITALIA PER I CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO.

Tutti i cittadini italiani residenti all'estero, iscritti all'AIRE (Anagrafe dei Cittadini Italiani Residenti all’Estero) possono scegliere di votare all'estero o di optare per il voto presso il comune italiano di iscrizione AIRE ENTRO SABATO 8 FEBBRAIO 2020.

Modulo di richiesta scaricabile al link https://www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/archivionotizie/retediplomatica/referendum-per-italiani-all-estero-due-opzioni-di-voto.html.

VOTO DOMICILIARE PER ELETTORI AFFETTI DA INFERMITA' CHE NE RENDANO IMPOSSIBILE L'ALLONTANAMENTO DALL'ABITAZIONE

L'elettore interessato al voto domicialiare di cui all'art. 1 D.L. 3 gennaio 2006, n. 1 convertito dalla Legge 27 gennaio 2006 n. 22 come modificato dalla Legge 7 maggio 2009, n. 46, deve far pervenire al Sindaco del proprio comune di iscrizione elettorale un'espressa dichiarazione attestante la propria volontà di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimora, ubicata in qualsiasi Comune del territorio nazionale, fra martedì 18 febbraio e lunedì 9 marzo 2020. La domanda di ammissione al voto domiciliare deve indicare l'indirizzo dell'abitazione in cui l'elettore dimora e, possibilmente un recapito telefonico e deve essere corredata di copia della tessera elettorale e di idonea certificazione sanitaria rilasciata da un funzionario medico designato dagli organi dell'azienda sanitaria locale.