Elezioni Europee del 26 maggio 2019

1. I cittadini italiani residenti all’estero, in un paese della Comunità Europea, votano nei seggi predisposti dai Consolati di competenza. In alternativa il cittadino italiano residente all’estero può optare per votare in Italia, presso la sezione elettorale del comune nelle cui liste elettorali è iscritto. L’opzione si esercita con una comunicazione scritta indirizzata al comune nelle cui liste elettorali è iscritto
2. I cittadini italiani residenti all’estero, in un paese fuori della Comunità Europea, devono esercitare il diritto di voto in Italia presso la sezione elettorale del comune nelle cui liste elettorali sono iscritti.
3. I cittadini dell’Unione europea possono esercitare il diritto di voto in Italia anche per le elezioni europee. Anche in questo caso è necessario presentare al sindaco del Comune italiano di residenza una domanda per l’iscrizione in apposita lista elettorale aggiunta, relativa a tali consultazioni, entro il novantesimo giorno antecedente la data fissata per le elezioni (entro il 25 febbraio 2019).
Nella domanda devono essere espressamente dichiarati:
◾la volontà di esercitare esclusivamente in Italia il diritto di voto;
◾la cittadinanza;
◾l'indirizzo nel comune di residenza e nello Stato di origine;
◾il possesso della capacità elettorale nello Stato di origine;
◾l'assenza di un provvedimento giudiziario, penale o civile, a carico, che comporti,secondo la legislazione dello Stato di origine, la perdita del diritto di voto.

L’iscrizione nella lista aggiunta permane fino ad espressa richiesta di cancellazione o fino a cancellazione d'ufficio nei casi previsti.