Completata la sistemazione del giardino della Fornace Saggiori di Sandon

La scorsa settimana il “Gruppo Volontari Manutenzioni Arredo Urbano Fossò” ha completato il taglio degli arbusti esterni che da tempo nascondevano alla vista i muri, in parte crollati, dell’edificio storico “Fornace Saggiori”, sito in centro a Sandon.
Questi lavori vanno a completare gli interventi eseguiti in novembre dello scorso anno dal Gruppo dei Volontari. Gli interventi avevano riguardato la messa in sicurezza della parte di giardino più vicina alla Fornace, delimitandolo con la posa di una recinzione metallica; il taglio della vegetazione spontanea cresciuta lungo la recinzione esterna del giardino stesso sui lati di via Chiesa e di via Provinciale Sud; la rimozione della vecchia recinzione e la posa di una bella e robusta staccionata.
Gli interventi sono stati eseguiti sulla base di un progetto presentato dal Comune alla Soprintendenza Archeologica delle Arti e Paesaggio competente per territorio e che la Soprintendenza stessa ha autorizzato con lettera del 11/05/2017 Prot. 0009969.
L’ex Fornace Saggiori è un edificio di 5.000 mq costruito all’inizio del 1900 per la produzione di mattoni, in ampliamento di un “fornasotto” citato in un registro del 1744 fra le proprietà del monastero di San Giovanni di Torcello, che nel tempo è stato utilizzato anche come magazzino ed essiccatoio delle foglie di tabacco prodotte a Sandon nei terreni di proprietà della famiglia Saggiori. Attualmente fa parte dei beni del Comune per i quali è prevista l’alienazione.